Portfolio Tag: #lavoro

La ragione di vivere e fiocchi rosa

By SAHIZER SAMUK. Nuove tendenze si fanno strada nella cultura turca. Diventare una moglie perfetta, o una figlia o nuora perfetta, oggi richiede una tavola imbandita in modo stravagante, immortalata sui social network per mariti ed ospiti. Intere batterie di pentole e padelle rosa, fette di pane avvolte nel pizzo.
Per saperne di più

Un caffè con Junko: essere donna in Giappone.

By ORSOLA BATTAGGIA. In Giappone e in particolare a Kyoto durante l’estate fa caldo, molto caldo, quel caldo afoso che ti fa respirare a fatica e che infonde stanchezza e spossatezza in tutto il corpo. In una di queste giornate estive all’insegna della lotta contro la calura, scandite solo dalla routine del lavoro, sono riuscita a ritagliarmi un po’ di tempo per un caffè con Junko.
Per saperne di più

Donne e lavoro: un nuovo modo di guardare al pay gap di genere.

By ROSALBA FERRANTE. Quella delle disuguaglianze di genere é tuttora una questione particolarmente calda nel dibattito politico, economico e sociale italiano e, naturalmente, internazionale. In particolare, il cosiddetto pay gap, il divario negli stipendi percepiti da uomini e donne a parità di posizione e lavoro, é da qualche anno nell’occhio del ciclone.
Per saperne di più

Se nasci tedesco è meglio….Lavoro e questioni di genere in Europa.

By VALENTINA PAIANO. Fortunati i bambini (e i genitori) tedeschi. Chi nasce o viene adottato in Germania ha diritto a ricevere dallo Stato il cosiddetto “Kindergeld”, un contributo mensile di 190 euro. Non si tratta di un sussidio sociale, ma di un assegno che spetta a tutti i genitori o tutori domiciliati in Germania oppure domiciliati in un altro Stato, ma che pagano le tasse in Germania e che hanno figli sotto i 18 anni di età. L’assegno, che ha un importo proporzionale al numero di figli a carico e che dal 1° luglio è stato incrementato di ulteriori 20euro, può essere prolungato oltre la maggiore età ove si presentino determinate condizioni. Ad esempio l’assegno si prolunga fino al 21° anno se il figlio è disoccupato e fino al 25° anno se studia o svolge attività di volontariato.
Per saperne di più